A+ A A-

BEATS! testi e volti della Beat generation

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale

Ginsberg colour Lortica sarticolo

I Beats sono stati i miei fratelli e sorelle maggiori in quei momenti bui in cui cercavo una Visione, ed è proprio in nome di tale Visione che più di un movimento generazionale, il Beat è da considerarsi un sommovimento dello spirito e in quanto tale non precisamente circoscrivibile ad un dato momento storico e culturale. Piuttosto, in un dato momento storico e culturale, alcune persone hanno riconosciuto come significativo tale intrinseco sommovimento e gli hanno assegnato valore scrivendone e cantandone.

 

 

Leggi tutto...

Yogadooing: Hatha Yoga per suonatori di didjeridoo (e non solo)

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

YogadooingpicDue pratiche una Via

 

Da musicista, suonatore di didjeridoo e praticante di Yoga, ho deciso di scrivere questo articolo, coadiuvato da un video didattico di pratica, per sostenere ed equilibrare le intense sessioni di pratica alle quali ci sottoponiamo quotidianamente nello studio del nostro strumento.

Leggi tutto...

Il cuore della poesia

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Ali

Dopo il crisantemo
oltre la rapa lunga
nulla

Matsuo Bashō



Se per poesia (dal greco pόiēsis: produzione) si intende l'esigenza di esprimere uno stato dell'anima e della carne, suscitabile ed evocabile per tramite della parola, allora scrivo poesie da quando avevo otto anni, come promemoria, per non dimenticare. Con l'analisi maturata nel tempo mi rivedo assorto nella penombra della mia cameretta dove timorosamente, in qualche antro nascosto, riponevo in custodia il cuore del mio sentire.

Leggi tutto...

Suonando il Didjeridoo: significati, emozioni, tecnica

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

seminarioPisaAd oggi credo vi sia una gran confusione nell’intendere lo studio del didjeridoo, come suole accadere in altri studi del resto. Mi chiedo infatti perché mai l'esito di noi occidentali, nei confronti di tradizioni altre si risolva in un freddo e de-significante tecnicismo (del tipo: come si fa, come si usa, come si produce e come si ri-produce tale cosa) oppure in uno sterile esotismo new-age. Il Karaté di Okinawa è stato ridotto a grafico digitalizzato della macchina umana da History Channel (la serie Human weapon) e lo Yoga a pratica antistress per impiegati sovraccarichi di lavoro. Purtroppo tale esito non è rivolto solo nei confronti delle suddette discipline, il cui scarto con l’autentica tradizione risulta lampante agli occhi di chi ha potuto saggiarla in prima persona.

Leggi tutto...

Haiku tra tradizione ed originarietà

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Magritte sassoVorrei qui tentare di dare il mio contributo alla poetica dell’haiku delineando quelli che per me sono i punti fondamentali per un contemporaneo haijin1 occidentale.

L’haiku - 俳句, forma poetica sviluppatasi in Giappone nel corso il XVII secolo, affonda le sue radici nel contesto socio politico del suo tempo trovando grande sviluppo e diffusione nel periodo Edo (1603-1868), a partire dalla famosa battaglia di Sekigahara (1600) vinta dal clan Tokugawa a sfavore del clan Toyotomi. Fu la stessa battaglia a cui prese parte, perdendo, uno dei massimi samurai del Giappone, Myamoto no Musashi (1584-1645).

Leggi tutto...

Keeping the wire - appunti per un didgeridoo musicale

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Adesivo Keeping the wireKeeping the wire è il mio terzo lavoro in studio dopo i precedenti Ab Origine (2010) e Breathless (2012)Keeping the wire si distingue per un approccio essenziale al didgeridoo, suonato in solo o con l'accompagnamento di bilma, campane tibetane, vocalizzi armonici e non, xylofono e stomp box al solo fine di esaltare il didgeridoo nella sua musicalità. Il “didgeridoo musicale” infatti prova a rendere tutte le capacità espressive del suonatore contemplando i tre aspetti essenziali alla musicalità: tempo/ritmo, armonia e melodia.

Leggi tutto...